Phonemedia-Soft4web:”Qualcuno deve assumersi la responsabilità”

“Qualcuno può assumersi la responsabilità di fronte all’Italia e per il rispetto che si deve a migliaia di giovani calabresi, di asserire a quanto ammontano con esattezza le risorse finanziarie consegnate a Phonemedia dalla Regione Calabria? Sarebbe uno scandalo, se per davvero le cifre fossero quelle che circolano avendo dinanzi a noi il risultato tragico di migliaia di lavoratori lasciati con un pugno di mosche in mano”….

…”Davvero sono stati consegnati 11 milioni di euro per Phonemedia e 25 milioni di euro per le altre aziende del settore, senza alcuna garanzia sull’utilizzazione produttiva di somme cosi ingenti? Apprendere, attraverso una dolorosa vicenda di “prenditori” che, incassato il bottino, lasciano i nostri giovani senza stipendio, già di per sé è gravissimo, ma apprendere anche che la situazione d’inadempienza contrattuale e di violazione contributiva, da parte di chi ha scucito finanziamenti pubblici, era nota e che nulla è stato fatto per obbligare l’imprenditore a comportarsi onestamente, è sbalorditivo. Il sindacato fa bene a “rincorrere” chi è scappato con i soldi, ossia un’azienda di cui non si riesce a capire chi comanda, ma qui c’è bisogno di un’operazione verità che coinvolga ogni livello ed ogni autorità di controllo. Il piccolo imprenditore calabrese che per tirare la carretta non sa più a quale santo votarsi e ha tutti contro, mercato, deficit infrastrutturale e banche, dinanzi a sperperi così assurdi di risorse, resta di stucco. Se è giusto scandalizzarsi dinanzi alle Navi dei Veleni e organizzare grandi manifestazioni, qui lo scandalo non è da meno, perché si inquina la coscienza di giovani lavoratori che mai avrebbero pensato di poter essere presi in giro pur avendo dalla loro la Regione che adesso deve subito dire cosa intende fare per tutelarli. Giustizia e verità per le Navi dei Veleni, giustizia e verità per i lavoratori di Phonomedia e aziende simili.”

Pippo Callipo

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestShare on RedditEmail this to someoneShare on Tumblr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *