Svimez : “La Calabria: una regione sempre più periferica che si allontana dall’Europa

“Questa politica deve avere la bontà di togliere il disturbo, magari dopo aver preso atto degli orrori compiuti ai danni della Calabria. E deve cedere la mano, non per fare un piacere a noi, ma perché i dati ufficiali dimostrano che ha trascorso cinque anni in dannose polemiche, errori, miopie, fregandosene della Calabria e dei suoi problemi. Ora lo documenta la Svimez, che denuncia in Calabria una “situazione critica per disoccupazione, innovazione e povertà”. Ma aldilà dello specifico dei tanti problemi segnalati, ciò che dovrebbe far rabbrividire è che, secondo la Svimez, “siamo una regione sempre più periferica che si allontana dall’Europa”. Eppure c’è chi perde tempo ad andare in giro per la Calabria raccontando le magie dei fondi comunitari, sperando che, se non la logica, possano convincere i calabresi l’alchimia ed i maghi. Infine, la situazione economica e occupazionale: drammatica. Io dico che tutti gli imprenditori che nulla hanno a che spartire coi “prenditori”, dovrebbero aprire gli occhi e comprendere che qui è a rischio il nostro lavoro di una vita e il futuro della Calabria. A chi dinanzi a queste sconfitte mi chiede di primarie o statuti, come se la Calabria fosse una regione normale, io rispondo che non è più tempo per giocare con gente che è stata bocciata dai fatti. Io dico che il gioco questa volta lo debbono condurre i calabresi, fino in fondo e in libertà.”

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestShare on RedditEmail this to someoneShare on Tumblr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *