E’ l’ora degli speaker facili…

Se Callipo non può rappresentare il cambiamento in Calabria, come denuncia l’assessore Incarnato, sarà senz’altro Loiero la novità. A questa geniale conclusione i calabresi da soli non ci sarebbero mai arrivati. Per fortuna la Calabria ha, tra i suoi politici dal curriculum zeppo di titoli, master e successi internazionali, un tale Incarnato che, nel corso di questi cinque anni, si è dimostrato insostituibile per gli interessi della Calabria. Se Incarnato non ricorda l’impegno pubblico di Callipo presidente di Confindustria, evidentemente è perché in quel periodo era in vacanza. A nostro avviso, però, Incarnato anziché dire sciocchezze farebbe meglio a spiegare come mai, dopo 5 anni, il suo Capogruppo è passato col centrodestra armi e bagagli. Questo centrosinistra targato Loiero è davvero singolare: definisce Callipo la “quinta colonna” del centrodestra e, contemporaneamente, imbarca nelle sue liste assessori come Misiti e Bagarani che hanno contribuito al disastro gestionale del centrodestra nel 2000 e sono i tifosi più strenui del Ponte sullo Stretto. Il punto vero è che per il Loierismo non c’è destra o sinistra, c’è solo una melassa gelatinosa di cui Incarnato è solo una piccola escrescenza.

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestShare on RedditEmail this to someoneShare on Tumblr

Un pensiero su “E’ l’ora degli speaker facili…

  1. Luigi

    Ambiente, qual’è il significato di questo termine. Ci stanno riempendo di pale eoliche, le nostre coste, i nostri paesaggi, da qui a poco saranno inguardabili. La Calabria ha detto si a l’energia rinnovabile, ma per impianti ormai obsoleti da tempo, pale alte 100 metri, con superfici in cui non è possibile piantare altro che i piedi dei tecnici per la manutenzione degli impianti. Questi impianti, forse erano più adatti per essere allocati in zone più lontane dagli occhi indiscreti della gente, ad alta quota, dove veramente la condizione dei venti è più favorevole. L’ideale poteva essere il fotovoltaico, ad esempio, in Calabria, fra le regioni più assolate d’Italia, produrrebbe, rispetto alle altre regioni quasi due volte. Ma c’erano altri sistemi più moderni e meno impattanti: le miniturbine eoliche da 3mt., le biomasse ecologiche, ecc. Ma dove sono i consulenti sull’energia, gli specialisti del settore esistono? O sono solo degli improvviati venditori?

    Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *