Consiglieri supplenti: non facciamo ridere l’Italia

Oggi la regione più povera d’Europa ha un Ente Regione con 50 onorevoli, più 4 assessori esterni e due sottosegretari. Un esercito, a cui si aggiungono direttori generali, capigabinetto con i relativi vice, dirigenti di settore, esperti e consulenti a profusione. Nella VII legislatura erano 40, in realtà di Consiglieri ne servirebbero 30, ma ora, se andasse in porto l’altra geniale riforma firmata da Bova/Loiero, la Regione rischia di avere altri sei o sette Consiglieri regionali, arrivando ad un numero che farebbe ridere di noi l’Italia. Ben oltre 60 super indennità, le più alte d’Italia secondo il Sole 24 Ore dinanzi ad una produttività assolutamente incongrua.

E riderebbe ancora di più l’Italia se dovesse leggere il bigliettino da visita dei nuovi Consiglieri previsti nello Statuto: Mario Rossi, On. Consigliere Regionale Supplente della Calabria. Insomma, la Calabria rischia la fame, il tessuto produttivo è sconquassato, i giovani non sanno dove sbattere la testa per avere un reddito, eppure l’Istituzione Regione sta meditando di ampliare la “casta”; che fino ad ora ha brillato per l’assoluta inconcludenza dal punto di vista dell’efficienza e della produttività.

Mi auguro che il nuovo Presidente della Regione, che non ha apposto la sua firma sulla modifica più brutta dello Statuto, sappia frenare la cupidigia dei politici e mettere un po’ d’ordine in questa Regione in cui la mano destra non sa quel che fa la sinistra. Mentre gli enti locali hanno di che lamentarsi, la Regione più povera che probabilmente ha sforato il Patto di Stabilità pensa di introdurre la figura del Consigliere Supplente.

Tutto ciò, mentre sono state azzerate la Consulta Statutaria, che forse avrebbe potuto evitare alla Calabria le figuracce che sta facendo con le tante impugnative di costituzionalità delle leggi regionali da parte del Governo, la Consulta per l’Ambiente, quando la Regione lamenta il disinteresse del Governo su questo fronte assai critico, e il Comitato per la concertazione sociale.

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestShare on RedditEmail this to someoneShare on Tumblr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *