Salvatore Scalzo, un esempio? No, la normalità.

La candidatura da parte del centrosinistra di Salvatore Scalzo a Catanzaro, è un segnale di chiara discontinuità e rottura con il passato che non è possibile ignorare, o ancor peggio sottovalutare.

Questa candidatura è un’indicazione importante e incoraggiante ai giovani e alla Calabria positiva. Sembra, finalmente, che la nostra regione stia riscoprendo qualche elemento di normalità. Giovani di talento e con competenze, come il Dott. Scalzo, capaci forse più di altri di incarnare e concretizzare la voglia di riscatto e rinnovamento che coltivano i calabresi. Speriamo che da questo segnale e dall’impegno nell’attività politica e sociale di Salvatore, s’inneschi un vento di cambiamento in grado di spazzare via gli ultimi resti di una classe politica che ha dato troppo poco alla nostra terra e a tutti noi calabresi.

Affinché non si parli di “rara eccezione”, il centrosinistra ha l’obbligo di seguire questa linea anche in altri comuni, come Cosenza e Reggio Calabria, dando un chiaro segnale di discontinuità; porgendo la mano alla società civile che invoca il cambiamento. Crediamo che all’interno di una così ampia e variegata coalizione di idee e di animi, le persone in grado di traghettare queste forze verso il rinnovamento e verso il successo politico non mancano.

Sarebbe importante se, almeno in una delle due realtà sopra citate, il candidato a Sindaco fosse una donna, magari giovane e con spiccate doti professionali. Insomma, un altro chiaro esempio di quella Calabria che per troppo tempo è rimasta compressa sotto il peso di una classe politica immobile, ma che adesso con grande coraggio sta tentando di invertire la rotta e di prendere in mano le redini della nostra società.

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestShare on RedditEmail this to someoneShare on Tumblr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *