Salviamo Sibari – Io resto in Calabria aderisce all’appello

#salviamosibari

La situazione che si è venuta a creare nell’area del Parco Archeologico della Sibaritide è, senza mezzi termini, disastrosa. Il fiume Crati, straripando, ha totalmente inondato l’area degli scavi con oltre 400mila metri cubi di acqua e, nonostante ciò possa essere la causa di perdite incalcolabili, il fatto sta passando fra l’indifferenza totale dei media nazionali che, come al solito, preferiscono interessarsi alla nostra terra soltanto per eventi di malasanità, malavita o malaffare….

…Cosa ancora più triste, se possibile, non abbiamo sentito appelli o dichiarazioni da nessuno degli oltre 500 candidati che si sono presentati in Calabria per le elezioni politiche del 24 e 25 febbraio.  L’intera faccenda insomma, si vorrebbe farla passare nel dimenticatoio ma, fortunatamente, sia molteplici associazioni (fra cui anche la nostra) che alcuni media locali hanno deciso di non sottostare a tutto ciò.
Inizialmente ci siamo limitati, come molti altri, ad una diffusione della notizia dell’allagamento ma, una volta venuti a conoscenza della gravità dei fatti e dell’immobilismo generale, abbiamo deciso di non stare a guardare inermi quest’ennesima ferita alla nostra storia e alla nostra terra.
Coscienza sulla reale situazione riguardante l’area, l’abbiamo potuta avere sia grazie a testimonianze dirette di amici dell’associazione, sia grazie alle riprese fatte da piccole emittenti locali e, infine, grazie allo stesso appello della Dott.ssa Luppino ( Responsabile dell’area archeologica della Sibaritide ), che è stato poi pubblicato sulle principali testate locali….

…Anche mossi dalla voglia di non accettare il titolo emblematico dato al video qui sopra, ci siamo messi in azione su più fronti. Sia contattando direttamente la Soprintendenza regionale per chiedere come poter essere di aiuto, sia attivandoci  per vedere quali altre realtà stavano cercando di agire in tal senso e, ancora, agendo direttamente noi attraverso le nostre competenze e possibilità.

Naturalmente, abbiamo aderito convintamente all’appello, fatto partire dal Quotidiano della Calabria, da presentare all’attenzione del Capo dello Stato, e abbiamo cercato di contattare i principali media nazionali per chiedere spiegazioni sulla mancata copertura della notizia. Oltre a ciò, in una seconda fase, quando abbiamo avuto ulteriori ragguagli sul come poter essere di concreto aiuto, la decisione è stata di far conoscere a tutte le persone raggiungibili come, ognuno di loro, può salvare Sibari.

Questo di seguito, è il testo con cui stiamo dicendo che è POSSIBILE AIUTARE SIBARI!!

#salviamosibari

Aiutiamo il Parco Archeologico di Sibari…

COME?:

1) Firmando l’appello organizzato dal Quotidiano della Calabria per sollecitare l’attenzione del Capo dello Stato sulla grave situazione; per farlo basta inviare una mail, comunicando il proprio nome e cognome, la qualifica, la località in cui si esercita la professione, e un proprio recapito mail all’indirizzo: salviamosibari@finedit.com

2) Contattare redazioni dei media nazionali richiedendo che venga posta la giusta attenzione verso uno dei luoghi simbolo della civiltà (anche le pagine sociali delle redazioni giornalistiche vanno bene).

3) Facendo conoscere alle Vostre cerchie di amici la situazione attuale al Parco Archeologico della Sibaritide…

4) Ancora, aderendo come Volontari. Attenzione però, facendo seguito all’appello fatto dall’Archeologa e Responsabile dell’area, la Dott.ssa Silvana Luppino, per meglio canalizzare ed ottimizzare la voglia di aiutare di eventuali volontari che vorrebbero partecipare aderendo all’appello… confermiamo che il supporto di volontari sarà indispensabile a breve, è necessario e fondamentale che, chi può e vuole proporsi per contribuire a riportare al suo splendore un luogo così importante, invii prima una mail con oggetto “volontario sibaritide” a: sba-cal@beniculturali.it
all’attenzione della Soprintendente regionale Dott.ssa Simonetta Bonomi e per conoscenza all’Architetto Silvana Luppino specificando tempi e modi della propria disponibilità alla collaborazione.

Quindi, cosa  aspetti, aiutaci a salvare anche la Tua Storia, aiuta a fare avere a questa terra il Suo Futuro!

 

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestShare on RedditEmail this to someoneShare on Tumblr

3 pensieri su “Salviamo Sibari – Io resto in Calabria aderisce all’appello

  1. Marigiò

    Sibari fa parte delle mie radici che sono profondamente magno-greche, fa parte delle radici del Sud ed è testimonianza di una civiltà che non può essere offuscata

    Replica
  2. Papeppo

    E’ una vergogna…il disinteresse e la disinformazione su questo evento fanno si che la cultura vada per sempre perduta…

    Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *