“UNA LISTA CIVICA DEI CALABRESI ONESTI PER SALVARE LA CALABRIA”

Riscontro che la stampa, nel riferire dell’ultimo sondaggio a cura del Pd, dopo quello farlocco di qualche settimana addietro  di Swg, si sofferma sul mio nome, segnalandolo come  tra i  più  noti. Ringrazio di cuore  i cittadini che mi onorano della loro simpatia e la stampa che – nonostante le chiusure del Pd e dei  luogotenenti renziani – impediscono che oltre al rinnovamento negato, alla Calabria  sia negata anche  la verità. In tal caso, la verità su chi i calabresi, interpellati,  individuano come la personalità più indicata per consentire alla nostra regione (la più povera) una svolta.  D’altra parte, i sondaggi li puoi anche  taroccare, ma fino a un certo punto. Perché, se l’obiettivo è annacquare la forza di un personaggio stimato  ma disponi soltanto di personalità con scarso appeal, non c’è manipolazione che tenga. Così sta accadendo che il mio nome, di riffa o di raffa, nei sondaggi fin qui elaborati  per la scelta del candidato alla Presidenza della Regione, si impone e fa riflettere. Purtroppo, anche quando questi  espedienti  vengono denunciati, non si  riesce ad intaccare il gioco che esclude chi è pronto – come il sottoscritto – a rompere il patto di potere lobbistico e trasversale, che  va avanti da almeno vent’anni e decide le sorti della regione e  che, favorendo carriere politiche immeritate  ha come solo obiettivo l’utilizzo discrezionale della spesa pubblica.  Sorprende  come sia possibile che le Istituzioni nazionali, Presidenza della Repubblica, Parlamento e Governo, pur consapevoli del disastro sociale, politico ed etico in cui versa una regione del Paese dove succede di tutto ed in cui la criminalità organizzata si rafforza anche a causa della sfiducia dei cittadini verso la classe politica regionale, non intendano muovere un dito per impedire che in Calabria tutto resti come sempre.  Il sottoscritto, dopo alcuni tentativi volti a rendere possibile  il cambiamento assieme a quella politica che a parole si dice favorevole alla rottamazione e che addirittura vorrebbe azzerare un’intera classe dirigente, ha preso atto che, anche questa volta, i big della politica preferiscono voltarsi dall’altra parte. La Calabria, pur sapendo  che è  strangolata dalla crisi economica, che ha la peggiore classe dirigente ed è una terra condizionata dalla mafia,  non è affare loro! Vogliono che  se la sbrighi da sé, pur convinti che a prevalere saranno i soliti noti e le solite consuetudini incentrate sulla disamministrazione del bene pubblico. Se si comportano cosi perché  sono consapevoli di non essere dei veri Statisti e che l’importante è illudere i cittadini con un cambiamento scisso da fatti concreti, oppure perché preferiscono avere una Calabria sottomessa, non saprei dire.  Tuttavia, siccome a pagarne il costo, se lo scenario sarà quello che si prefigura,  saremo noi imprenditori, noi cittadini, noi calabresi, e visto che i sondaggi, aldilà del loro uso strumentale, ripropongono l’esigenza del rinnovamento, il sottoscritto sarebbe anche disponibile a lanciare, nella competizione del 23 novembre per la Regione, una Lista civica per salvare la Calabria. Alla condizione che siano i calabresi migliori ad accompagnarmi. I calabresi che a migliaia, se non avranno un’occasione di cambiamento, non andranno a votare.  C’è chi mi sussurra che non c’è più tempo e che gli accordi per vincere le elezioni, da parte dei soliti partiti, sono già in cassaforte e che a me converrebbe ritagliarmi uno spazio di gestione nella squadra di chi vince;  che insomma la Lista civica sarebbe come Davide contro Golia. Io so quanto sia difficile schierarsi contro apparati organizzati. Nel 2010, con lo slogan “Io resto in Calabria”, l’ho già sperimentato. Ma se davvero vogliamo riscattare questa nostra  Calabria un tentativo va fatto.  Ai giovani, agli onesti, ai calabresi, ai “senzanome” che amano la loro terra, io dico di provarci.

Pippo Callipo

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestShare on RedditEmail this to someoneShare on Tumblr

2 pensieri su ““UNA LISTA CIVICA DEI CALABRESI ONESTI PER SALVARE LA CALABRIA”

  1. luigi

    Uno che produce del buon tonno,l’unico che mangio, e dei buoni gelati,quest’ultimi difficili da trovare,non puo’ non essere che una brava persona.La lista la faccia,non si tiri indietro.Se fossi calabrese sarei con lei fattivamente.Le scrivo dalla provincia di Caserta trasformata negli ultimi decenni da Campania felix a Terra dei veleni dalla criminale triangolazione industrali del Nord-stato italiano-camorra.La nostra terra meridionale si salva solo con la partecipazione attiva e l’unita’di tutti i nostri popoli accomunati da una civilta’antica di millenni.

    Replica
  2. Pierluigi

    Buona sera dott. Callipo, sono felice di rileggerLa e spero ardentemente che si ricandidi, in maniera tale da dare a me e a tanti altri calabresi la possibilità di avere la possibilità di scegliere “veramente”. Il dramma che viviamo in Calabria è proprio l’assenza di alternative; la “dx” e la “sx” ci ripropongono da sempre e a tutti i livelli (nazionale, regionale, provinciale e comunale, le solite facce …) la solita gente … che non appena vinte le elezioni sistematicamente depreda le pubbliche amministrazioni che gestisce in favore dei propri interessi (e di quelli di pochi altri) … senza alcuna intelligenza … senza alcuna prospettiva se non quella di impossessarsi delle risorse della collettività. Personalmente l’ho già votata alle scorse elezioni … quelle dove poi vinse “Peppe” … quello del modello Reggio …. e dove il pd alla fine scelse il “magistrato” Loiero … che vergogna! Si candidi dott. Callipo! Troverà l’appoggio di tantissima gente per bene (che pure in Calabria esiste)!

    Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *