Archivio tag: solidarietà

Sport in Gruppo: il 10 luglio a Filadelfia nel segno della solidarietà e della cooperazione

Una serata all’insegna dello sport e della solidarietà, nata sia con l’intento di dare un aiuto concreto ad un’associazione meritevole, perché operante nel silenzio e con continuità in un campo importante, sia al fine di accrescere la comunicazione ed il confronto fra diverse realtà locali figlie di un’unica comunità…. Continua a leggere

002Comunicati

Un’intimidazione che minaccia tutti noi

Il ritrovamento di due bottiglie molotov a pochi passi dall’ingresso della sede centrale de “il Quotidiano della Calabria” è un’intimidazione che fa comprendere come il clima in Calabria sia teso e come la ‘Ndrangheta tema l’informazione e chi fa quotidianamente il proprio lavoro raccontando ai calabresi quanto accade nella nostra terra.

“Esprimo piena solidarietà ai giornalisti, all’editore e a tutti i collaboratori de “il Quotidiano” – queste le parole del Presidente dell’Associazione “Io resto in Calabria” Anna Laura Orrico – a nome di “Io resto in Calabria” e invito tutti a continuare con lo stesso vigore e impegno l’azione d’informazione quotidiana, senza la quale la Calabria sarebbe una terra più povera e ancora più soggiogata alle minacce mafiose. La società civile in questi frangenti deve fare quadrato, così come successo il 25 settembre scorso a Reggio Calabria nella manifestazione contro la ‘Ndrangheta, e dare un netto segnale: che davanti alle minacce mafiose la Calabria civile è un unico blocco granitico. Forse anche il 25 settembre di quest’anno, magari a Cosenza, dovremmo nuovamente scendere in piazza per dire ancora una volta: Io manifesto-stop alla ‘Ndrangheta.” Speriamo che le forze dell’ordine assicurino alla Giustizia, in breve tempo mandanti ed esecutori di questa intimidazione, e che i giornalisti de “il Quotidiano”, così come tutti gli altri colleghi delle altre testate possano esercitare la propria professione in piena libertà e senza la continua minaccia di ritorsioni per la propria persona e per i propri cari. La Calabria ha bisogno di un’informazione libera, coraggiosa e indipendente, per continuare il lungo cammino che porti la nostra terra ad essere una regione normale.

Riprendiamoci la nostra Calabria – 25 settembre 2010

25 Settembre – Reggio Calabria
Io Manifesto

Dopo i fatti di Reggio, gli omicidi in spiaggia davanti agli occhi increduli dei turisti e le vessazioni quotidiane cui molti calabresi sono sottoposti, quella di una grande manifestazione di piazza è un’idea da sposare e supportare, che deve vedere tutti i calabresi onesti, senza distinzione di campanili, uniti nel dire “No alla ‘Ndrangheta”. Ma non ci si può limitare solo a questo.

La manifestazione, infatti, a parte i risvolti mediatici di una terra capace di dire con forza basta a quanto sin qui vissuto, non deve essere il palcoscenico per i soliti noti, ma “lo sparo” che dia la partenza ad una maratona, che solo la società civile e le associazioni più attive possono (e devono) portare avanti coordinandosi e dando corpo e anima ad una realtà capace di lavorare sul territorio in maniera continuativa. Per questo oltre ai tanti no, venuti fuori nella riunione di lunedì pomeriggio al Grand Hotel Lamezia, abbiamo deciso di proporre dei sì, forse banali, ma che ciascuno di noi può iniziare a dire quotidianamente per combattere la Ndrangheta in tutte le sue forme.

Insomma, una proposta concreta per tutti i calabresi che vogliono cambiare, che vorremmo traesse forza dal sostegno della società civile. Per questo ti chiediamo di aiutarci a fare in modo che questo diventi il manifesto della manifestazione e che per la prima volta non siano solo partiti e sindacati a dettare “le regole e i tempi”, ma noi comuni cittadini che in maniera coordinata e unitaria saremo in grado di dare voce alla “vera” Calabria, quella troppo spesso dimenticata o inascoltata. Speriamo di cuore, che la tua Associazione aderisca e si faccia tramite verso altre associazioni, così che giovedì pomeriggio (9 settembre ore 16:30, Grand Hotel Lamezia) sia davvero forte la voce della società civile e che di conseguenza la manifestazione apra davvero una “primavera calabrese”. Di seguito, trovi il manifesto da sottoscrivere.

Io Manifesto, dico 10 sì per scendere in piazza e 10 no per combattere la ‘Ndrangheta

I dieci Sì:

  1. Sì, a denunciare gli atti e i fatti mafiosi
  2. Sì, a boicottare negozi, imprese e attività economiche colluse
  3. Sì, a partecipare attivamente alla vita politica
  4. Sì, ad educare alla legalità con l’esempio
  5. Sì, al rispetto delle regole
  6. Sì, a rinunciare a chiedere “favori”
  7. Sì, al ribellarsi al lavoro nero e ad ogni forma di sfruttamento
  8. Sì, alla tutela dell’ambiente e del territorio
  9. Sì, a chiedere ricevute e scontrini
  10. Sì, a scendere in piazza e a metterci la faccia

I dieci No:

  1. No, alle raccomandazioni e ai comparaggi
  2. No, all’informazione al guinzaglio
  3. No, alla Magistratura e alle forze di polizia lasciate sole
  4. No, ai processi senza certezza della pena
  5. No, agli incarichi pubblici per cittadini inquisiti o collusi
  6. No, ai politici nei CdA di società pubbliche
  7. No, alla mafia con la penna
  8. No, ai “prenditori”
  9. No, agli appalti senza il rispetto delle regole
  10. No, all’illegalità per ottenere vantaggi

L’Associazione …………………………………. aderisce e sottoscrive il documento

Referente: (indicare Nome, Cognome e contatto telefonico)

Ti preghiamo di inviarci via mail o via FAX il documento con i dati richiesti